Come creare un'illuminazione bagno perfetta

Home/news/Come creare un'illuminazione bagno perfetta

Come creare un'illuminazione bagno perfetta

Come creare un'illuminazione bagno perfetta

Quante volte siamo rimasti affascinati dalle immagini di copertina di riviste prestigiose che ritraggono sale da bagno perfette? Quell'effetto così esclusivo è spesso dato da un mix ideale tra sanitari, complementi d'arredo e luci. Proprio così: se da un lato lavabi, bidet, vasche e box doccia, insieme agli accessori per il bagno, riescono a dare un'immagine visibile di bagni da sogno, l'effetto finale è accentuato da qualcosa che non possiamo toccare, come i tanti oggetti, ma che al tempo stesso ha un ruolo determinante. Stiamo parlando dell'illuminazione bagno, che per potersi definire ottimale deve rispettare alcune regole precise. 

Illuminazione bagno generale e zonale

Un buon progetto illuminotecnico è fondamentale per arredare i bagni moderni con stile e donargli un look esclusivo. Non esiste un progetto univoco che possa adattarsi ad ogni sala da bagno, perché la distribuzione delle lampade e la quantità di luce artificiale saranno inevitabilmente influenzate dalle dimensioni della stanza e dalla presenza di finestre. La regola generale vuole che lampade, applique e faretti vadano a integrare la luce naturale che filtra dalle finestre, sostituendosi a questa nelle ore in cui la visibilità esterna è ridotta. Ma come inserire le nostre lampade nella stanza da bagno? In generale viene prevista una luce centrale a soffitto (che può essere una sospensione, un'applique a parete o una plafoniera) che darà luminosità generale all'ambiente. In aggiunta a questa vengono poi predisposte alcune luci nei punti in cui occorre una visibilità ottimale. Queste rivestono il ruolo di luci zonali, nome che deriva loro proprio dalla funzione di luminosità supplementare in specifiche zone. A seconda dei gusti personali e delle esigenze queste possono essere rappresentate da faretti o luci integrate all'interno di specchi retroilluminati. Molto spesso, quando ci troviamo ad arredare bagni moderni, sono proprio le specchiere con luci integrate a fare la differenza. 

Le luci zonali, o luci d'accento, le troviamo intorno al lavabo, spazio in cui la luce generale rischierebbe di creare zone d'ombra a chi si trova a radersi, truccarsi o prendersi cura della pelle del viso. Le idee bagno moderno pratico e funzionale vedono queste lampade svolgere un duplice ruolo: oltre a garantire una visibilità perfetta infatti contribuiscono in modo determinante alla sensazione visiva di maggior ampiezza della stanza. Che si tratti di applique posizionate ai lati della specchiera, di faretti collocati sulla parte superiore o di specchi retroilluminati infatti la luce che inonda la superficie riflettente si distribuisce nella sala da bagno donando sensazioni di spazi molto più ampi. Questo piccolo stratagemma è spesso usato dagli interior designer per rendere più accattivanti i bagni piccoli.

Per quanto riguarda la tipologia di fonte luminosa la luce led sta conquistando una sempre maggiore quantità di consensi per l'illuminazione bagno. I vantaggi che offre sono veramente molti: dal risparmio energetico alla lunga durata dei corpi illuminanti. La luce d'accento può anche prevedere fasci luminosi dimmerabili, sempre più apprezzati nell'illuminazione led per il bagno. Poter regolare il flusso luminoso a seconda dei vari momenti della giornata e delle azioni che compiamo permette di avere una luce d'atmosfera che sicuramente non passerà mai inosservata nei bagni di design. 

Lampade bagno: occhio alla sicurezza

Le lampade bagno non devono solo garantire spazi piacevoli da vivere, ma anche e soprattutto ambienti sicuri. La sicurezza riguarda sia la capacità di un buon progetto illuminotecnico di non lasciare zone d'ombra e non creare abbagliamenti, ma anche il grado di protezione delle lampade a vapori e condense. La stanza da bagno è sicuramente uno dei locali della casa in cui si registrano i più elevati livelli di umidità e le luci devono poter offrire adeguata resistenza. Il grado di protezione lo troviamo espresso con la sigla IP: un lampadario da soffitto dovrebbe prevedere una lampada IP23, che sale notevolmente quando invece parliamo di luci destinate alla zona lavabo, dove gli schizzi d'acqua sono più frequenti. Per garantire incolumità a tutti i fruitori del bagno in quest'area dovremmo sempre prevedere luci IP44 o, meglio ancora, lampade IP65.